Palazzo Clerici - Milano

Si sono recentemente conclusi alcuni significativi interventi di restauri in palazzo Clerici a Milano, sito nell’omonima via al n.5. L’edificio, serrato tra i palazzi dell’antica contrada del Prestino dei Bossi, rappresenta nella città un tipico esempio d’architettura tardo barocca e tuttora, una delle più ricche e fastose dimore private del Settecento, nonostante le perdite e le manomissioni subite nel corso dell’ Ottocento e del Novecento. Attualmente è sede dell’ISPI.

Gli interventi che hanno interessato alcuni tra gli ambienti più rappresentativi del primo piano, nell’ “appartamento nobile verso la corte delle rimesse” che costituiva la residenza del marchese Antonio Giorgio Clerici, sono stati diretti dalla Soprintendenza per i beni arch. e per il paesaggio della Lombardia e dalla Direzione Reg. per i beni Culturali e Paesaggistici della Lombardia con finanziamenti del Ministero (MIBAC) e dell’ISPI.

I lavori eseguiti hanno contribuito a cercare di “risolvere” alcuni evidenti fenomeni di degrado in corso ed a fornire inedite informazioni di carattere storico-artistico. Ci si è inoltre posti il problema della sicurezza nell’ambiente di lavoro utilizzando materiali con poche o nessuna “controindicazione” garantendo nello stesso tempo un elevato standard qualitativo.

Palazzo Clerici, Milano, cortile d'onore

Cortile d’onore sottoportico e vestibolo verso il giardino prima dell’intervento Cortile d’onore sottoportico e vestibolo verso il giardino prima dell’intervento
foto archivio Villa
Indagine stratigrafica per individuare la successione di intonaci e coloriture nei secoli Indagine stratigrafica per individuare la successione di intonaci e coloriture nei secoli
foto archivio Villa
Particolare del sottoportico prima del restauro 2006 Particolare del sottoportico prima del restauro 2006
foto archivio Villa
Porzione di sottoportico dopo gli interventi di recupero dell’intonaco decorato a finti mattoni delle arcate longitudinali Porzione di sottoportico dopo gli interventi di recupero dell’intonaco decorato a finti mattoni delle arcate longitudinali
foto archivio Villa
Confronto con il sottoportico del cortile d’onore verso l’ingresso del palazzo Confronto con il sottoportico del cortile d’onore verso l’ingresso del palazzo
foto archivio Villa

È possibile ingrandire più immagini alla volta e spostarle una volta ingrandite.